Israele-Palestina mondi paralleli

Non dovremmo perdere tempo, la vita è breve. Eitan Einoch a Tel Aviv lavora proprio in un’ azienda di yuppies che ottimizza l’ uso dei secondi, nei messaggi vocali ad esempio, nei semafori. Eppure per lui gli orologi si fermano: nel giro di pochi giorni Eitan sopravvive a tre attentati terroristi. Un miracolo. Il suo “resistere” alla morte lo fa percepire dal paese come un eroe, un simbolo, e dunque un obbiettivo speciale dei fondamentalisti palestinesi. In realtà Eitanè distrutto dal trauma: di quel che ha, la donna, il lavoro, non gli interessa più niente. Cerca solo i fili che lo legano a chi in quegli attacchi è stato ucciso. Ma Assaf Gavron, l’ autore israeliano di La mia storia, la tua storia, non affronta la paura di Israele con toni tragici: anzi, velocemente, a capitoli alterni e pimpanti, ci fa viaggiare in una sorta di mondo parallelo dei palestinesi, dove il protagonista Fahmi – un ragazzo sconclusionato che il padre vuol convincere a studiare – viene trascinato dal fratello fanatico nel terrorismo. Inutile dirlo, le storie dei due sono destinate a incontrarsi. In Israele Gavron si è preso qualche critica per l’ empatia con cui si mette nella testa degli estremisti. Ma alla fine, la fotografia dello Stato ebraico che ne esce è quella di una società plurale e libera. Dall’ altra parte, c’ è il terrorismo che avvelena i villaggi, fino a creare dei formicai impazziti.

di Susanna Nirenstein

Fonte: http://www.repubblica.it – Sezione: Almanacco dei libri, 17 Ottobre 2009

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: